Principi e pratica della moxa
Autori: Roger Newman Turner,Royston H. Low
Traduttore: D. Testoni
Editore: Red Edizioni
Anno edizione: 2005
116 pagine con illustrazioni
EAN: 9788874473434

(Clicca QUI per andare alla scheda del libro)

Questo libro, come pochi altri che si occupano di argomenti simili, rispecchia i principi della complementarietà raffigurati dalla nota figura dello Yin/Yang, non tanto perché affronti i principi teorici della filosofia taoista (in effetti, completamente assente) quanto perché tratta argomenti che raramente si trovano in altri testi e – allo stesso tempo – perché non sono invece compresi argomenti che ci si aspetterebbe di trovare.

Un primo indizio del contenuto del volume lo da il sottotitolo, che recita: “L’applicazione del calore ai punti dell’agopuntura”, il che orienta in maniera abbastanza evidente il bagaglio teorico che sarebbe opportuno avere per apprezzare al meglio il volume.

In altre parole, sebbene il testo sia molto interessante anche per un neofita o chi voglia (o possa, in base alle vigenti norme di legge) dedicarsi solo alla moxa, la trattazione è di fatto orientata verso chi abbia una buona esperienza teorica e pratica anche della agopuntura ed abbia una solida conoscenza della Medicina Tradizione Cinese.

La qual cosa è comprensibile essendo le due metodologie terapeutiche fortemente collegate e complementari nella loro applicazione ma rischia però di rendere la lettura un po’ meno agevole a chi non abbia dimistichezza con aghi e terminologie mediche specifiche, dovute anche al retroterra culturale dei due autori.

Altro punto notevole del libro è la sua età, se già l’edizione italiana è del 2005, è da rilevare che l’originale risale al 1981, il che potrebbe essere poca cosa di fronte alle migliaia di anni di esperienza accumulate da queste discipline, ma ha comunque un peso alla luce delle più recenti metodologie e strumenti didattici.

Ritornando a quanto evidenziato all’inizio, alcuni capitoli – come quello che descrive i vari tipi di artemisia esistenti in natura o la preparazione della moxa possono sembrare poco utili, ma è altrettanto vero che difficilmente questi argomenti sono trattati in altre opere. Alla stessa maniera, lascia un po’ perplessi la mancanza delle tavole dei meridiani con la localizzazione dei punti principali da trattare, ma è una carenza in realtà quasi ininfluente, essendo le tavole stesse ampiamente disponibili e – probabilmente – dagli autori date per conosciute dai lettori.

Nel centinaio di pagine che compongono il libro sono compresi argomenti “evergreen” come la storia della moxibustione, i vari metodi e le relative con cui può essere applicata ed una approfondita analisi degli effetti fisiologici e dei concetti tradizionali ed energetici del trattamento, un glossario con la trascrizione e pronuncia dei nomi cinesi ed un elenco dei punti “proibili” e delle controindicazioni alla esecuzione del trattamento con la moxa.

Altri interessanti capitoli sono dedicati alle regole diagnostiche, alle considerazioni terapeutiche ed ai dati clinici relativi ad alcuni specifici problemi trattati, a cui si affianca un ampio repertorio terapeutico (redatto – come precisano gli autori – come riferimento per i medici agopuntori) che illustra le modalità di trattamento di un ampio spettro di malattie e problemi.

Completano il libro capitoli originali come una analisi della moxibustione giapponese, il metodo da applicare nelle urgenze (davvero singolare quello sul “cavallo di bambù”) ed un ampio riferimento alla bibliografia medica che costituisce una interessante possibilità di approfondimento per gli “addetti ai lavori” in grado di avere accesso a pubblicazioni mediche specialistiche in lingua inglese.

Come detto, nel volume la moxibustione è analizzata come strumento terapeutico da utilizzare in parallelo con la agopuntura, specialmente nei casi in cui si rilevino disturbi originati da “freddo” o mancanza di calore, in particolare nei casi in cui questi siano in una fase acuta o appaiano cronicizzati.

In conclusione, si tratta di un manuale che non ci sentiremmo di consigliare ad un principiante come primo testo da studiare, ma che contiene comunque una serie di informazioni che lo rendono interessante da leggere ed utile da consultare in caso di necessità.

“Lo straordinario interesse sollevato in Occidente dall’agopuntura ha però lasciato in ombra alcune pratiche complementari di questo grande sistema terapeutico. Una di queste è la moxa: l’applicazione terapeutica del calore ai punti di agopuntura. In realtà, le due modalità (uso degli aghi e uso del calore) sono indivisibili, e in Oriente sono state per millenni sviluppate congiuntamente. Il valore della moxa si rivela essenzialmente nel trattamento dei disturbi cronici, nelle condizioni di carenza energetica e in quelle aggravate da condizioni climatiche avverse. Questo libro mira a fornire una guida esauriente e una panoramica completa dei diversi metodi e tecniche della moxa.
Gli autori: R. Newman Turner è agopuntore, naturopata e osteopata; vive ed esercita in Gran Bretagna; è docente al British College of Acupuncture. Royston H. Low è docente presso varie istituzioni, direttore della British Acupuncture Association e presidente della Acupuncture Research Association.”
(
Dalla quarta di copertina)